Date: 29/9/1893



Place: Milano

ID: CLET002027




160  

p.327

CLET002027

 

Milano 29 Sett. 1893.

Sig.r Ing.e Tito Ricordi. Direttore delle Officine. Città

 

Personalmente ho constatato il disordine e l’abbandono in cui sono lasciate cod.e Officine, specialmente nelle ore del mattino, in cui si calcola certa l’assenza del Direttore, quando pure questa non si prolunghi per tutta la giornata. Questo disordine ha poi la sua caratteristica nello stato del tavolo di lavoro del Direttore stesso, il quale stamane appariva un vero caos di carte, lettere, bozze, campionari, boccette, ecc. ecc. Oltre che ciò è affatto indecoroso in faccia alle terze persone che possono accedere all’ufficio della Direzione, è cosa altresì che ispira ben poca fiducia nella qualità d’ordine ed esattezza del Direttore stesso. Intanto ho preso io stesso misure disciplinari verso quegli Impiegati che trovai mancanti in ufficio, e ne prenderò altre più gravi se saranno del caso. Richiamo poi, ed in tutta la sua forza, la mia del 17 Marzo 1893 = non constandomi che le disposizioni in esse contenute sieno state integralmente ed esattamente applicate. Queste osservazioni complessive, tralasciando i dettagli, furono da me replicatamente fatte al Direttore, che ho sempre coperto colla mia qualità di Gerente: ma tutto ha un limite, e non voglio più oltre accumulare sopra di me responsabilità che non mi spettano: epperò questo è l’ultimo monito ch’io faccio, dopo il quale non potrò sottrarmi al dolore di misure assolutamente radicali.

Giulio Ricordi

Gerente G. Ricordi e C.

 

160.

p. 327

CLET002027

 

Milan, 29 Sept. 1893

 

Sig. Ing. Tito Ricordi. Director of the Workshops. City

 

   I have had occasion to personally observe the disorder and the state of abandon in which these Workshops are left, especially in the morning hours when the Director is most likely to be absent, if not the entire day. Then too, this disorder is characteristic of the same Director’s own work table, which today looked to be an absolute chaos of papers, letters, page proofs, samples, bottles, etc. etc. Not only does this seem undignified to outside individuals who happen to enter the office of the Direction, but it also hardly inspires much trust in the quality of the Director’s orderliness and precision. Meanwhile I have taken disciplinary measures against those employees I found missing from the office, and I will resort to even more serious steps if necessary. I must also demand that you categorically attend to everything I wrote in my letter of 17 March 1893, since I have not observed that the dispositions therein have been completely and exactly followed. I have repeatedly made these same general remarks, leaving aside the details, to the Director, whom I have always covered in my capacity as General Manager; but everything has its limit, and I have no desire to take on any more responsibilities that are not mine. Therefore this is my final warning, after which I will no longer be able to avoid the painful application of far more radical measures.

Giulio Ricordi

General Manager, G. Ricordi e C.

 

 

Named places
Milano

Tipology copialettere
Sub-tipology letter
Writing manuscript
Language italian

Letter name DOC01827.160
Volume Signature DOC01827
Year 1888-1901
Volume 01
Pag 327
No. pag 1