Date: 3/12/1909



Place: s.l.

ID: CLET002136




 

 

2.48

p.88-89-90-91-92

CLET002136

 

3 xbre [dicembre] 1909.

Ego Arch.° Diego Brioschi.

(Personale)                         Milano

 

Ego Architetto.

Che nelle costruzioni di una tal quale importanza si avverino prima della fatidica parola = finis = degli inconvenienti, questo lo si sa: l’umana natura non è perfetta. Ma vi sono inconvenienti così grandi, che riescono veramente dolorosi!!!... e che a mio giudizio non avrebbero dovuto verificarsi, od almeno in misura non così grave. Senza ritornare sulla spiacevole contingenza del Magazzino lastre, ore si presentano questi gravissimi inconvenienti:

- insufficienza di riscaldamento nel salone macchine

        e di conseguenza:

- insufficienza di riscaldamento nel salone ad uso magazzino, copisteria e relativi uffici

- cattiva riescita del locale per gli incisori, sia pel riscaldamento, sia per correnti d’aria freddissima.

Pei due primi inconvenienti, che si collegano per identità di ambiente, mi fu fatto osservare che il sistema di copertura è cagione di un grande raffreddamento durante la notte, mentre per poca accurata costruzione, tanto nella parte a vetri, quanto nella parete a listelli il calore, accese le caldaja, subisce una rimarchevole dispersione. Ed allora perché ciò non è stato provveduto ab origine? o perlomeno preveduto e fattomi conoscere?

Io non sono né architetto, né ingegnere, né costruttore – e quindi non giudice in materia, come non pretenderei che costruttore, ingegnere, architetto avessero a sentenziare in merito ad una partitura d’orchestra. Ma, mettiamo il caso, che uno dei succitati volesse acquistare una partitura ed a me si rivolgesse, gli avrei detto a seconda dei casi: badi, non è bene orchestrata, si deve rivedere, modificare ecc. ecc.

        Epperò io non sono in grado giudicare a priori se una copertura corrisponda più o meno alle varie esigenze, se anche come sta è veramente completa a regola d’arte – ecc. ecc. – Le attuali condizioni sono poi rese più gravi da ciò che già tutto il macchinario è in azione, gli operai esposti a temperature mattutine impossibili, con danno anche dei lavori, che per la loro essenza non possono subire sbalzi di temperatura troppo marcati. Non vi aggiungo il dispendio al di là d’oneroso che il riscaldamento, anche imperfetto, richiede nelle condizioni suaccennate.

        Conseguenza di tutto ciò è l’assoluta necessità di provvedere a tutta quella parte del salone-magazzino destinata agli uffici e copisteria. E un cullarsi in una vana speranza se credesi ponno servire così come sono!... Anche lì si avrà una temperatura men che mediocre, impossibile per persone che devono stare ferme a scrivere – !!

        Pur troppo devonsi prendere provvedimenti radicali e subito e condotti presto a compimento, onde sia possibile disporre e provvedere ai relativi traslochi. Non v’è altro modo che di racchiudere gli uffici di magazzino e la Copisteria con pareti fino alla copertura e porte di comunicazione come si è fatto del locale di spedizione. E ancora non ho fiducia che si abbia con ciò il riscaldamento voluto.

        Quanto agli incisori….. pessima è la riuscita del loro stanzone. I serramenti in ferro delle finestre soffiano peggio di Eolo! dalla scala che mette a piano terreno penetra aria così gelida che par d’essere sul San Gottardo!... E si tratta di lavoratori che maneggiano metallo!!... e che devono lavorarlo con tutta delicatezza! –

        Tutto sommato, mi perdoni ego Signor Brioschi, ch’io francamente le dichiari che sono non solo disgustato, ma avvilito!.... e mi rimorde la coscienza per avere messo la mia Ditta in un impegno così grave, reso gravissimo dagli inconvenienti da me accennati e che si dovevano prevedere dalle persone tecniche e che altresì conoscevano le esigenze della nostra industria.

        Non basta il complesso grandioso, non basta l’eleganza che lo riveste: occorre che il tutto corrisponda a ciò che deve servire! -

        Non aggiungo altro se non che sono oltremodo addolorato!!

        Con tutta considerazione

 

Dev.mo Giulio Ricordi

2.48

pp. 88-92

CLET002136

3 December 1909

Eg. Arch. Diego Brioschi

(Personal)

Milan

Esteemed Architect,

   It is well known that in construction projects of a certain entity, some drawbacks may arise before getting to that day when one can claim “it is finished”; human nature is not perfect. But there can be drawbacks so enormous that they become painful!!!... and which, in my opinion, should never have happened or, at least, should not have been as significant as they are. Without going back over the unpleasant matter of the printing-plate storage facility, we now have these extremely serious problems:

·         insufficient heating in the printing-press area

and consequently:

·         insufficient heating in the area used for storage, for the copyists’ workshop, and the relative offices

·         poor design of the room used by the engravers, both as regards the heating and because of the drafts of cold air.

   For the first two problems, which occur in similar types of rooms, it was explained to me that the design of the roof causes considerable loss of heat during the night, and that the poorly realized construction of the windows and the slatted walls allows for a noticeable dispersion of heat during the day when the furnace is running. Well, why then wasn’t this adjusted ab origine [from the very beginning]? Or at very least, why wasn’t it brought to my attention?

   I am neither an architect nor an engineer nor a builder, and hence I am no judge in these matters, just as I would not expect builders or engineers or architects to be able to evaluate a musical score. But if, let’s say, one of these people were to ask my opinion about a score they intended to purchase I would say, where necessary: Be aware that it is not well orchestrated, that it needs to be revised or modified, etc. etc.

   So I haven’t the expertise to judge a priori whether the design of a roof means it will perform as expected under various conditions, and whether its construction has been perfectly done, etc. etc. The current state of things is made even worse by the fact that all the machinery is in place and running, the laborers are exposed to unbearable temperatures in the morning, and there are negative results on the work itself since printing jobs, by their very nature, cannot be subjected to extreme temperature swings. Not to mention the higher than normal expense required to heat the rooms, even if imperfectly, in the above-mentioned conditions.

It is absolutely urgent that these problems be fixed in all the areas of the storage and machinery halls set aside for offices and the copyists’ workshop. It is delusional to hope that they are functional as they are now!... The temperature in those spaces will be less than mediocre, and simply impossible for employees who have to remain still and write!!

   Radical measures must be adopted immediately and finished as soon as possible, so as to organize the necessary removals of equipment and furniture. There is no other solution than to enclose the storage facility offices and the copyists’ workshop with full walls and communicating doors, as was done in the shipping area. Even at that, I’m not certain that we’ll have the efficient heating we hope for.

   As for the engravers… their work area was very poorly constructed. Drafts blow through the iron window frames more strongly than Aeolus could do! The blast of air through the stairwell to the ground floor is so cold it’s like being on the Gotthard mountain pass!... and these are laborers who have to work with metal!! And to do so with delicate precision!

   You’ll forgive me, distinguished sig. Brioschi, but in summary I must frankly declare that I am not only disgusted, but miserable about this!.. and I have pangs of conscience for having committed my Company to such an enormous investment, made all the more serious by the problems I have mentioned and which should have been anticipated and resolved by the construction experts, who were well aware of the requirements of our manufacturing business.

   It is not enough to have a grandiose plant design, nor is it enough to decorate it elegantly. It must also all function as required!

I will not go on except to say I am profoundly pained by all this.

With best regards,

Most sincerely,

Giulio Ricordi

                

 

 

Named places
Milano

Tipology copialettere
Sub-tipology letter
Writing manuscript
Language italian

Letter name DOC01828.048
Volume Signature DOC01828
Year 1901-1909
Volume 02
Pag 088-092
No. pag 5