Catalogo

Risorse


Il Catalogo Numerico Ricordi è la rappresentazione dell'attività della celebre Casa Editrice musicale milanese, fondata da Giovanni Ricordi nel 1808.  Tutte le opere acquistate dall'editore sono presentate in ordine numerico progressivo e approssimativamente cronologico e vengono descritte con i dati essenziali per l'identificazione delle composizioni. Inoltre viene sempre indicato il prezzo di vendita, alla data della pubblicazione del catalogo, informazione che permette di identificare molte prime edizioni.  Il Catalogo, importante risorsa bibliografica per la storia della musica e dell'editoria musicale italiana ed europea, dal 1808 al 1870, è qui disponibile online con 43.025 numeri. Questa versione online può essere consultata facilmente per numero di catalogo, per autore, per titolo di composizione e per data di pubblicazione (o di acquisizione) da parte dell'editore Ricordi. 

Contenuti

Sfoglia

Risultati: 23

Ricerca per numero:

Ricerca per data:

Show

N. Catalogo Note Data
7775 Natalucci, Tiberio
Choeur et Cav., Casta Diva, dans NORMA de Bellini, pour Harpe
1834
7790 Natalucci, Tiberio
Duo, Deh! con te, con te li prendi, dans NORMA de Bellini, pour Harpe et piano
1835
9773 Natalucci, Tiberio
Variat. pour Harpe sur un thème de LUCIA DI LAMMERMOOR de Donizetti
1837
9774 Natalucci, Tiberio
Cav., Ah per sempre, chantée par Tamburini dans I PURITANI de Bellini, pour Harpe
1837
9775 Natalucci, Tiberio
Or che in cielo, Barcarola nel MARINO FALIERO di Donizetti, var. per Arpa
1837
10101 Natalucci, Tiberio
Coro d'Introd. nella BEATRICE DI TENDA di Bellini, rid. per Arpa con accomp. di Flauto ad libitum
1837
10102 Natalucci, Tiberio
Gr. Quintetto nella BEATRICE DI TENDA di Bellini, rid. per Arpa e Pfte con accomp. di Flauto e Vcello a piacere, ed eseguibile anche col solo Pfte e Flauto, ovvero colla sola Arpa e Vcello
1837
17260 Natalucci, Tiberio
Marcia ed Aria, Anch' io dischiuso un giorno, nel NABUCCO di Verdi, trascr. e var. per Arpa
1845
17347 Natalucci, Tiberio
Introd. e Cav., Come rugiada al cespite, nell' ERNANI di Verdi, trascr. e var. per Arpa
1845